Quanto si guadagna ad aprire un Cowo? Quanto può fruttare una postazione?

L’adesione al programma di affiliazione Cowo prevede uno spirito collaborativo, come è nel DNA del coworking.

E’ preciso impegno di chi propone un servizio di coworking Cowo attenersi a un criterio di equo trattamento economico, che si traduce nel rispetto dei tetti di prezzo sotto indicati.

L’affiliazione a Cowo richiede espressamente (art. 5 del contratto) che i prezzi di una postazione di lavoro in open space non superino i 300 euro + iva mensili e i 150 euro + iva settimanali.

All’interno di questi limiti, ogni titolare di Cowo è libero di scegliere il livello di prezzo che ritiene più opportuno (in un piccolo comune i prezzi saranno ovviamente più bassi che nel centro di una grande città).

A titolo di esempio, Cowo Milano/Lambrate, all’interno di un ambiente riqualificato, offre le postazioni a 200 euro + iva mensili.

COSTI DELL’AFFILIAZIONE

L’iscrizione dI uno spazio al progetto Cowo offre due opzioni:

  1. opzione Basic: 250 euro + iva all’anno
  2. opzione Premium: 500 euro + iva all’anno

Qui tutte le informazioni sui servizi offerti.

Qui la richiesta di adesione da scaricare.

15 risposte a “Quanto si guadagna ad aprire un Cowo? Quanto può fruttare una postazione?

  1. Iris Marie Gatt

    Nella vostra conferenza avete accennato all’affitto di un ufficio per chi ne aveva necessità, per esempio, per una volta (e nel mio caso soltanto 2 o 3 ore) la settimana a Firenze (ore primo o tardo pomeriggio) Quanto costerebbe in questo caso?

    • Iris Marie Gatt

      Sono Iris Marie Gatt. Per favore toglietemi subito da internet. Avrei peraltro gradito sapere che avevate intenzione ti diffondere su internet una mia semplice domanda fatta in una piccola conferenza qualche anno fa. Controllerò in questi giorni se avete tolto la mia domanda e in caso contrario, sarò costretta a prendere azione legale per violazione di Privacy.
      saluti
      Iris marie Gatt

      • Buongiorno,
        siamo a sua disposizione per qualsiasi risposta le possa servire e ci scusiamo nel caso abbiamo omesso involontariamente di risponderle in passato.
        In genere la moderazione è gestita con costanza e regolarità, ma una svista può sempre capitare.

        Riguardo alla sua presenza nei nostri database, il nostro unico database è inerente all’invio di una newsletter mensile, al quale iscriviamo le persone solo che ce lo richiedono.

        In ogni caso, verifichiamo immediatamente se il suo nominativo compare, e in caso positivo lo rimuoveremo immediatamente.

        Grazie,
        Massimo Carraro

  2. max

    buongiorno e grazie del commento.

    le rispondo io che sono il coordinatore del progetto – ed anche la persona che ha presentato cowo alla conferenza – ma ho già girato l’informazione al responsabile dello spazio di firenze.

    da parte mia posso risponderle per quanto riguarda lo spazio di milano che gestiamo direttamente, per tutti gli altri spazi il contatto va preso direttamente.

    a milano, nel nostro cowo di lambrate, offriamo sia l’utilizzo a giornata, sia un pacchetto di giornate da utilizzare nell’arco di un periodo.
    se vuole farsi un’idea dei nostri prezzi per milano:
    http://coworkingmilano.com/prezzi/

    per firenze, invece, i riferimenti di cowo sono:

    cowo giardino orticoltura
    c/o diversamente design
    via del pellegrino 17/r
    sig. florentin hortopan
    flo@diversamente.biz
    055/46.33.229
    349/09.43.274

    qui la scheda con altre informazioni e foto dello spazio:
    http://coworkingproject.com/firenze-giardino-orticoltura/

    sperando di averle risposto esaurientemente, un saluto cordiale,

    massimo carraro

    • Ciao a tutti, Ciao Iris,
      il nostro spazio è visitabile, contattami pure quando e come credi. il prezzo mensile per una postazione nel nostro spazio è di 150,00 euro. Crediamo che sia correlato al tipo di spazio e alla posizione in cui siamo.
      Avendo un momento di passaggio e di riorganizzazione propria dello spazio dovremmo metterci un attimo d’accordo, in ogni caso ti consiglio di dargli un’occhiata e di venirci a trovare!

      Grazie dell’interessamento

      Florentin
      cowo Firenze

  3. mauro imperiale

    Scusate,saro’ un po’ tardo ma una cosa non la capisco.
    Chi e’ che mette disposizione lo spazio e le attrezzatture del co-working?
    In buona sostanza chi volesse far decollare il progetto, non avendo spazi propri dovra’ cercare un locale adatto,ovviamente in una posizione non molto decentralizzata, curare contrattualmente l’affitto del locale con il proprietario, eseguire ovviamente gli anticipi monetari necessari e comunque restarne responsabile in prima persona. Acquistare anche le attrezzature. Questo nella speranza di reperire continuativamente professionisti interessati. E’ cosi?
    Sono di Genova. E considerata l’attuale fase economica della citta’ mi sembra utopico.
    Forse ho frainteso il senso del progetto e di chi deve sostenerlo?
    Grazie.

    • Buongiorno Mauro, grazie del commento.
      Proprio per le ragioni da lei evidenziate, il nostro progetto si rivolge a uffici già aperti da società/studi/aziende, attivi indipendentemente dal coworking.
      E’ nostra opinione che il coworking non sia sufficiente a sostenere di per sé un’attività economica. Inoltre, l’aspetto di condivisione collaborativa può realizzarsi solo presso strutture esistenti, con professionisti già presenti e attivi, appunto.
      Qui trova qualche info in più:
      http://coworkingproject.com/affiliazione-a-cowo-cosa-offre/
      Un cordiale saluto,
      Max

  4. Paola

    Salve, siamo Atlante srl, ci occupiamo di postproduzione televisiva. Potremmo mettere a disposizione un paio di stanze del nostro grande ufficio nel quartiere Flaminio a Roma o, eventualmente, fino a cinque postazioni. Abbiamo ipotizzato un costo di 250 euro mese per una postazione e di 500 per una stanza chiusa. Vorremmo sapere se sono stati fatti dei calcoli per valutare la media di occupazione e le richieste nell’arco dell’anno. Ovviamente ci interessa sprattutto Roma. Il progetto ci sembra interessante, ma vorremmo fare una valutazione anche in termini di convenienza….
    Saluti
    Paola Picone

    • Buongiorno Paola, grazie mille per il commento.

      Spesso ci sentiamo chiedere dati di questo genere, ma noi non ne raccogliamo.
      Il progetto Cowo è fatto di persone, prima che di numeri, e questo approccio credo si legga sempre, tra le righe dei contenuti che diffondiamo.

      Questo non significa che non vi sia una convenienza economica, tutt’altro.

      Ci sembra però più onesto e corretto informare ad ogni occasione gli interessati che il coworking è un’opzione la cui redditività è funzione del coinvolgimento personale di chi gestisce gli spazi, e quindi difficilmente individuabile a priori.

      Inoltre, vi sono altre variabili che possono incidere, per questo l’unica cosa è provare, avendo queste premesse bene in mente.
      I costi di affiliazione sono volutamente bassi proprio per premiare la volontà “sperimentale” di chi è disposto a investire, più che del denaro, delle energie personali per aggregare gruppi di persone interessate a un modo di lavorare collaborativo.

      Un cordiale saluto e a presto,
      Massimo Carraro

      • paola picone

        Non ci è chiaro questo concetto: “la cui redditività è funzione del coinvolgimento personale di chi gestisce gli spazi”. Purtroppo il nostro ufficio in posizione centrale ha costi di gestione molto elevati e vorremmo essere rassicurati sulla possibilità di recuperare le spese e ricavare un minimo di margine. Forse a titolo sperimentale potremmo provare ad offrire solo una stanza con un paio di scrivanie e gestire le altre in modo più “tradizionale” ;-)
        Buona giornata
        Paola

      • Sì, è quello che cercavo di dire: occorre muoversi a titolo sperimentale, e vedere. :-)
        Grazie
        Max

  5. Buongiorno!! Non esiste una formula simile ma dedicata alle lavorazioni artigianali? Sempre uno spazio condiviso, in una posizione strategica in centro città, però dedicato all’esposizione e alla realizzazione di artigianato artistico e tradizionale… non sarebbe interessante?

  6. Buongiorno.
    Fiscalmente, come dovrei dichiarare i 150 € al mese che prenderei per una postazione?
    In pratica, quanto mi rimane in tasca se chiedo 150€ per una postazione?
    Grazie! :)

  7. Buongiorno Giorgio,
    certamente i proventi del coworking vanno compresi nel reddito della società che gestisce il coworking.
    Quanto ti rimane in tasca dipende ovviamente dalle aliquote fiscali e, più in generale, al tuo reddito complessivo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...